InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Green pass

Alta tensione nei porti
a Trieste e a Genova


Le proteste contro l'obbligo di green pass aumentano. Arrivano anche dalle aziende che lavorano nei porti e dagli autotrasportatori. Dal 15 ottobre infatti sarà obbligatorio avere la certificazione verde per essere ammessi a lavoro. I portuali di Trieste hanno minacciato di bloccare le attività se l'obbligo non verrà revocato. Alta la tensione anche a Genova dove è stata convocata una riunione tra i sindacati e le aziende del porto per discutere il suggerimento arrivato dal Viminale. Una circolare raccomandava ai porti di mettere a disposizione tamponi gratuiti per il personale non ancora vaccinato. In ogni caso non si escludono reazioni anche da altri porti. A Gioia Tauro fonti sindacali hanno fatto sapere che per ora non ci sono segnali di protesta, ma occorre vedere nei prossimi giorni come si evolve la situazione. Le aziende comunque non accettano la mediazione.

Il problema del green pass si pone anche per i trasporti e la logistica. "Più del 30% degli autisti non ha il green pass" dichiara Ivano Russo, direttore generale di Confetra, federazione di associazioni di trasporti e logistica. "Inoltre - aggiunge - si pone il problema per quelli stranieri che spesso hanno un vaccino non riconosciuto in Italia". Il blocco di queste attività significherebbe rischiare che non arrivino più carburante e materie prime al paese e che le industrie si debbano fermare. La soluzione proposta dal ministero dei trasporti è quella di allestire dei tendoni in cui gli autotrasportatori potranno essere sottoposti al tampone.

È scontro sul green pass anche tra le forze politiche. Grillo, Meloni e Salvini chiedono al governo tamponi gratuiti che permettano anche ai no vax di continuare a lavorare. In risposta il ministro Orlando dichiara: "Sarebbe una beffa per chi si è vaccinato". Resta alta la preoccupazione per eventuali proteste in vista di sabato 16 ottobre, quando i sindacati manifesteranno contro l'assalto di Forza Nuova alla sede della Cgil.

Maria Chiara Valecce

[13.10.2021 - 16:50]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0