home
censimento
collezioni
ricerca
scheda di catalogazione
indice geografico
indice tematico
naturalistica
medico-farmaceutica
etno-antropologica
tecnico scientifica e industriale
agraria
altro
indice analitico
istituzioni scolastiche
istituzioni museali
risultati
statistiche
statistiche enti
statistiche collezioni
quadri riassuntivi
generale
enti
collezioni
il gruppo di lavoro
informazioni
crediti
guestbook
contattateci
 
 
Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
Via Pietrarsa
80146 Via Pietrarsa (Napoli)

tel. 0815672177
fax 081472003
e-mail d.bovone@fs-cfg.it
sito web

natura giuridica: Privato- Altro-Società per azioni

responsabile: Salvatore Caracoglia

fondato nel 1989
storia: Il Museo è ospitato nell'antico opificio di Pietrarsa, il cui primo edificio fu realizzato nel 1842, anno in cui già vi lavoravano 200 operai. Utilizzato per la costruzione e la riparazione di locomotive a vapore, l'impianto è rimasto in funzione fino al 1975, riaprendo i battenti nel 1982, anno in cui vi fu una prima parziale inaugurazione del Museo con l'ingresso di una prima vaporiera. Il 7 ottobre 1989, 150° anniversario delle ferrovie italiane, il Museo fu inaugurato ufficialmente.

Collezioni
Materiale rotabile - Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa (Na)
La collezione è costituita da 26 locomotive dei primi anni del secolo scorso e del XIX secolo. Esse adottano numerose invenzioni o innovazioni dovute all'ingegno di tecnici anche italiani. Vi sono, inoltre, 4 locomotori trifasi che testimoniano i primi anni di sviluppo della trazione elettrica in Italia, e 4 locomotori a corrente continua, sistema di alimentazione adottato definitivamente sull'intera rete ferroviaria. Le 5 locomotive diesel (di cui 2 di linea e 3 da manovra) costituiscono una scelta significativa delle macchine che soppiantano la trazione a vapore sulle linee non elettrificate. Il materiale automotore leggero è rappresentato da 2 elettromotrici e da 5 automotrici termiche, mentre le 10 carrozze (fra cui spicca una carrozza salone reale, poi presidenziale, costruita dalla Fiat nel 1928 e artisticamente decorata) forniscono un'ampia panoramica sui più comuni rotabili utilizzati in Italia nella prima metà del sec. XX. Di grande interesse è, altresì, la riproduzione di un treno storico circolante sulla Napoli-Portici nei primi anni di esercizio (1840 in poi), costituito dalla locomotiva a vapore "Bayard" e da quattro carrozze. Terza locomotiva immessa in servizio sulla prima linea ferroviaria italiana, della Bayard si erano perse le tracce già nella seconda metà dell'Ottocento. Progettata e costruita dalla ditta Longridge Starbruck & C. di Newcastjle-upon-Tyne e poi spedita, smontata, a Napoli via mare, la Bayard presentava numerose innovazioni, quali il freno a controvapore e le ruote motrici prive di flange, che consentivano alla macchina di inscriversi anche in curve di stretto raggio. Le carrozze, fin dall'origine, erano costituite da "diligenze" e da "chairs-à-bancs" coperti e scoperti; ad esse si aggiungeva, inoltre, la berlina reale. In vista dei festeggiamente per il primo centenario delle ferrovie, nel 1939, la Bayard fu ricostruita in base ai disegni originali fortunosamente ritrovati, e con essa furono pure ricostruiti due chars-à-bancs coperti, la berlina reale e una carrozza mista con bagagliaio. Prima dell'attuale sistemazione, la riproduzione del convoglio storico fu esposta per diversi anni al Museo Leonardo da Vinci di Milano.

Modelli in scala e plastici ferroviari - Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa (Na)
Collezione di modelli di rotabili e plastici a carattere ferroviario.

Oggettistica ferroviaria - Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa (Na)
La collezione è costituita da oggettistica varia, strumenti tecnici relativi ad attività ferroviaria e riproduzioni fotografiche.

Spazi espositivi
E' articolato in 7 padiglioni, 4 dei quali dedicati a locomotori e carrozze, 2 a materiale ferroviario, 1 a plastici e modelli.

superficie espositiva dedicata: 12209 m2
superficie espositiva condivisa: 0 m2
superficie ad uso di deposito: 0 m2
Personale
dipendenti: 2
contrattisti: 0
volontari: 0
Apertura
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: Lun.-sab. 8:30-13:30
costo del biglietto: intero €0
ingressi a pagamento:
ingressi gratuiti:
visita guidata: Si (obbligatoria)
bookshop: No
materiale informativo: Si
Depliant informativo con notizie generali sul Museo e quanto in esso contenuto.
Biblioteca, archivio storico, fototeca
E' rappresentata da una biblioteca specializzata (volumi, annate di riviste, opuscoli) riguardante quasi interamente argomenti ferroviari (e non in maniera specifica la collezione del Museo).

volumi biblioteca: 2700
documenti archivio: 0
numero immagini: 0
Laboratori
Nuove tecnologie
utilizzo nuove tecnologie: No
In corso di predisposizione.
Pubblicazioni (1998-2000)
studi e ricerche: 0
cataloghi e guide: 0
pubblicazioni informatiche: 0
Annotazioni
Le fotografie sono qui pubblicate per gentile concessione dell'ente.
persone intervistate: Daniela Bovone
data compilazione: 15/10/2002
TOP
 
 

Veduta aerea 1

Veduta aerea 2

Esterno 1

Esterno 2

Statua in ghisa di Ferdinando II di Borbone

Esemplare di locomotiva

Motrici

Motrici

 
 
 
  Tutti i testi e i materiali sono liberamente riproducibili per fini scientifici e didattici previa citazione della fonte e comunicazione agli autori. Ogni altro utilizzo deve essere autorizzato dagli autori