home
censimento
collezioni
ricerca
scheda di catalogazione
indice geografico
indice tematico
naturalistica
medico-farmaceutica
etno-antropologica
tecnico scientifica e industriale
agraria
altro
indice analitico
istituzioni scolastiche
istituzioni museali
risultati
statistiche
statistiche enti
statistiche collezioni
quadri riassuntivi
generale
enti
collezioni
il gruppo di lavoro
informazioni
crediti
guestbook
contattateci
 
 
Museo Paleontologico e Naturalistico del Pollino
Piazza Giovanni Falcone
85048 Piazza Giovanni Falcone (Potenza)

tel. 0973667321
fax 0973661269
e-mail comune@comune.rotonda.pz.it
sito web http://www.comune.rotonda.pz.it

natura giuridica: Pubblico- Altro-Museo comunale

responsabile: Silvestro Maradei

fondato nel 1995
storia: Nel 1979, nelle vicinanze di Rotonda, viene rinvenuto il corpo di un elefante successivamente classificato come "Elelephas antiquus italicus", vissuto nel Pleistocene medio-superiore (400-700 mila anni fa). Il gruppo di ricerca che ha dato l'avvio alla fase di recupero è stato coordinato dal prof. Ernesto Cravero dell'Università Federico II di Napoli. Successivamente il recupero è stato effettuato sotto la direzione della Soprintendenza Archeologica della Basilicata. Il recupero definitivo dell'"Elephas" dal sito di giacitura è avvenuto nel 1985 da parte di un gruppo di lavoro delle Università di Napoli, Firenze, Pisa e con il contributo finanziario della Regione Basilicata. Il restauro definitivo dell’elefante è completato nel laboratorio del Museo Naturalistico del Pollino nel 1995. Nell’agosto del 2000 i resti fossili dell’elephas oltre ad altri reperti vengono esposti nella sede attuale in piazza Giovanni Falcone nell’attesa che il Comune completi la ristrutturazione di un monumentale edificio cinquecentesco, l’ex seminario di S. Maria per farne la sede definitiva.

Collezioni
Resti di Elephas antiquus italicus - Museo Paleontologico e Naturalistico del Pollino (Pz)
Si tratta dei resti fossili di un esemplare di "Elephas antiquus italicus" una specie vissuta nel pleistocene medio-superiore (400.000 – 700.000 anni fa). Ha due zanne di 2,70 mt., è alto circa 4 mt e lungo 6 mt. circa. I resti sono stati recuperati al 90%.

Spazi espositivi
.) La Sala è posta a piano terra e presenta un ampio spazio occupato dai resti disposti su pedane e teche che il visitatore può ammirare seguendo un percorso guidato.

superficie espositiva dedicata: 160 m2
superficie espositiva condivisa: 200 m2
superficie ad uso di deposito: 20 m2
Personale
dipendenti: 4
contrattisti: 0
volontari: 0
Apertura
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: Lun-Dom. 9:00-13:00; 15:00-19:00
costo del biglietto: intero €0
ingressi a pagamento: 0
ingressi gratuiti: 5000
visita guidata: Si (obbligatoria)
bookshop: No
materiale informativo: Si
Depliants ciclostilati
Biblioteca, archivio storico, fototeca
volumi biblioteca: 25
documenti archivio: 0
numero immagini: 0
Laboratori
Nuove tecnologie
utilizzo nuove tecnologie: Si
CD-Rom e sito internet.
Pubblicazioni (1998-2000)
studi e ricerche: 0
cataloghi e guide: 0
pubblicazioni informatiche: 0
Depliants ciclostilati dell'Elephas

Annotazioni
Le fotografie sono qui pubblicate per gentile concessione dell'ente.
persone intervistate: Silvestro Maradei
data compilazione: 28/04/2003
TOP
 
 

Immagine dal Parco

Immagine dal Parco

Elephas Antiquus Italicus, particolare del cranio

 
 
 
  Tutti i testi e i materiali sono liberamente riproducibili per fini scientifici e didattici previa citazione della fonte e comunicazione agli autori. Ogni altro utilizzo deve essere autorizzato dagli autori