home
censimento
collezioni
ricerca
scheda di catalogazione
indice geografico
indice tematico
naturalistica
medico-farmaceutica
etno-antropologica
tecnico scientifica e industriale
agraria
altro
indice analitico
istituzioni scolastiche
istituzioni museali
risultati
statistiche
statistiche enti
statistiche collezioni
quadri riassuntivi
generale
enti
collezioni
il gruppo di lavoro
informazioni
crediti
guestbook
contattateci
 
 
Museo di Scienze della Terra - Università di Bari
Via Orabona, 4
70125 Via Orabona, 4 (Bari)

tel. 0805542616; 080.5443565
fax 0805442625
e-mail museo@geo.uniba.it
sito web

natura giuridica: Pubblico- Universitario

responsabile: Nicola Walsh, direttore del Dipartimento di Geologia e Geofisica; Giuseppe Piccareta, direttore del Dipartimento Geomineralogico

fondato nel 1995
storia: Il Museo pone le sue basi con l'acquisizione, da parte dell'Università, delle collezioni storiche della seconda metà degli anni '50: la collezione Pelloux (acquistata nel 1957 dall'Istituto di Mineralogia e Petrografia), una delle più belle e prestigiose raccolte mineralogiche italiane, comprendente circa 11.000 campioni rappresentativi di 1100 specie; la collezione "Belli" (acquistata nel 1958 dall'Istituto di Geologia e Paleontologia), rarissima raccolta di marmi dell'antica Roma, costituita da 575 campioni levigati su 5 facce, provenienti dai territori dell'Impero Romano e per lo più da zone prospicienti il bacino del Mediterraneo. L'importante patrimonio scientifico è stato custodito fino al 1985 nel Palazzo Ateneo, sede dei due Istituti, ed è stato successivamente ereditato dal Dipartimento di Geologia e Geofisica e dal Dipartimento Geomineralogico, trovando collocazione presso il Palazzo di Scienze della Terra del Campus universitario (nei locali destinati nel 1995 all'esposizione museale). Negli anni il posseduto è stato incrementato. Attualmente il Museo di Scienze della Terra comprende un settore Geo-Paleontologico ed uno Mineralogico-Petrografico.

Collezioni
Collezione Alberto Pelloux - Museo di Scienze della Terra (Ba)
Originariamente costituita da oltre 12.000 campioni rappresentativi di 1572 specie mineralogiche, essa è stata minuziosamente descritta da Alberto Pelloux (1868-1947) sopratutto sotto il profilo della mineralogia topografica. La Collezione comprende anche i cataloghi storici, le carte geologiche di alcune miniere italiane, appunti di campagna scritti dal Pelloux durante le campagne geologiche, diverse fotografie storiche (fra cui quella di Madame Curie) ed una biblioteca di 108 volumi.

Collezione di marmi dell'antica Roma F. Belli - Museo di Scienze della Terra (Ba)
La collezione consiste, nella sua quasi totalità, da 'mostre di marmi' formato 12x7x2.5 cm ( lucidate su cinque lati), provenienti da scavi archeologici eseguiti nel XIX secolo in siti dell’antica Roma. Esse vennero cioè ricavati da frammenti di pietre ornamentali usate negli antichi monumenti romani. La collezione è ordinata e classificata secondo la nomenclatura adottata dai marmisti e scalpellini romani, profondamente diversa da quella della moderna Petrografia (quest'ultima studia infatti le rocce dopo averle ridotte in lamelle sottili e trasparenti per lo studio al microscopio).

Fossili - Museo di Scienze della Terra (Ba)
Collezioni di fossili, in gran parte rinvenuti nella regione Puglia

Strumenti geofisici - Museo di Scienze della Terra (Ba)
Strumenti di topografia, di geoelettrica, di gravimetria, di sismologia, e per lo studio del campo magnetico terrestre.

Spazi espositivi
E' rappresentato da due ampie sale, la prima delle quali contenente le collezioni geopaleontologiche e geofisiche, la seconda quelle mineralogiche e petrografiche.

superficie espositiva dedicata: 900 m2
superficie espositiva condivisa: 40 m2
superficie ad uso di deposito: 150 m2
Personale
dipendenti: 2
contrattisti: 6
volontari: 0
Apertura
apertura al pubblico: Su richiesta
orario di apertura: 9:00-13:00
costo del biglietto: intero €0
ingressi a pagamento: 0
ingressi gratuiti: 4000
visita guidata: Si (obbligatoria)
bookshop: No
materiale informativo: No
Biblioteca, archivio storico, fototeca
E' costituita da volumi e da cataloghi cartacei (collezioni "F. Belli" e "Pelloux"), nonché da un centinaio di immagini fotografiche.

volumi biblioteca: 108
documenti archivio: 8
numero immagini: 100
Laboratori
laboratorio didattico
Spazio dedicato alla descrizione delle proprietà fisiche dei minerali.
Nuove tecnologie
utilizzo nuove tecnologie: No
Pubblicazioni (1998-2000)
studi e ricerche: 3
cataloghi e guide: 0
pubblicazioni informatiche: 0
Saggi riguardanti il Museo.

Annotazioni
Le fotografie sono qui pubblicate per gentile concessione dell'ente.
persone intervistate: Ruggero Francescangeli
data compilazione: 30/04/2003
TOP
 
 

Fossile di Balaenoptera sp.

Campione di rame nativo

 
 
 
  Tutti i testi e i materiali sono liberamente riproducibili per fini scientifici e didattici previa citazione della fonte e comunicazione agli autori. Ogni altro utilizzo deve essere autorizzato dagli autori