home
censimento
collezioni
ricerca
scheda di catalogazione
indice geografico
indice tematico
naturalistica
medico-farmaceutica
etno-antropologica
tecnico scientifica e industriale
agraria
altro
indice analitico
istituzioni scolastiche
istituzioni museali
risultati
statistiche
statistiche enti
statistiche collezioni
quadri riassuntivi
generale
enti
collezioni
il gruppo di lavoro
informazioni
crediti
guestbook
contattateci
 
 
Centro Caprense Ignazio Cerio
Piazzetta Ignazio Cerio, 5
80073 Piazzetta Ignazio Cerio, 5 (Napoli)

tel. 0818376681
fax 0818370858
e-mail centrocaprense@tin.it
sito web http://www.centrocaprense.it

natura giuridica: Privato- Privato

responsabile: Claudio Giordano

fondato nel 1949
storia: Il Centro è stato fondato nel secondo dopoguerra dall’ingegnere e scrittore Edwin Cerio (1875 – 1960) insieme alla cognata Mabel Norman, pittrice americana di Newport, Rhode Island, la quale donò al Centro la sua attuale sede ed i mezzi per renderlo operante. Eretto in Ente Morale con Decreto del Presidente della Repubblica del 20 ottobre 1949, il Centro non ha scopo di lucro ed è amministrato da un Consiglio Direttivo composto figure di spicco di vari settori. L'istituto comprende una parte adibita a Museo ed un’altra a Biblioteca; questa raccoglie materiale riguardante l’isola di Capri: manoscritti, libri, opuscoli, carte geografiche, fotografie, giornali e spartiti musicali. In questa sede è stata presa in considerazione solo la sua collezione scientifica, in gran parte posta in essere dall'attività di Ignazio Cerio.

Collezioni
Collezione naturalistica - Centro Caprense Ignazio Cerio (Na)
Comprende 6 raccolte. 1) La raccolta Paleontologica è composta da circa 6.000 fossili di Invertebrati (Molluschi, Echinodermi, Spugne e Celenterati) e Vertebrati (Mammiferi), nonché rocce fossilifere. I reperti caprensi, circa un migliaio, provengono dal Capo e da Venassino (gli Invertebrati) e dagli scavi dell'Hotel Quisisana e della Grotta delle Felci (i Mammiferi). 2) La raccolta di Petrografia e Mineralogia è costituita da campioni di vari litotipi affioranti sull'isola. 3) Quella di zoologia, numericamente la più consistente dell'intero Museo, comprende soprattutto reperti della fauna - in particolare malacofauna e flora marina - caratteristica dell'isola. 4) Quella di Botanica, che comprende unicamente flora spontanea di Capri. 5) La raccolta privata di Raffaello Bellini (Foligno 1874 - Napoli 1930), insegnante di materie scientifiche in diversi licei d'Italia, che si dedicò allo studio di varie branche delle Scienze Naturali, prediligendo principalmente la malacologia. 6) La raccolta algologica di Oronzo Gabriele Costa, storicamente la più significativa, che comprende un centinaio di preparati di alghe essiccate e conservate tra due lastrine di vetro, appartenuti al naturalista Costa (Alessano, 1789 - Napoli, 1867). La raccolta fu probabilmente acquistata da Ignazio Cerio nella seconda metà del sec. XIX.

Spazi espositivi
Si tratta di due sale, la prima delle quali dedicata alla paleontologia e geologia, la seconda a zoologia e botanica. Altre due sale sono invece riservate alle altre collezioni del museo

superficie espositiva dedicata: 60 m2
superficie espositiva condivisa: 50 m2
superficie ad uso di deposito: 10 m2
Personale
dipendenti: 0
contrattisti: 1
volontari: 1
Apertura
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: Mar.-mer.-ven.-sab.: 10:00-13:00; gio. 15:00-19:00
costo del biglietto: intero €2,6
ingressi a pagamento: 500
ingressi gratuiti: 300
visita guidata: Si (su richiesta)
bookshop: No
materiale informativo: Si
Brochure con descrizione delle esposizioni.
Biblioteca, archivio storico, fototeca
E' presente una piccola biblioteca specializzata, delle immagini e, soprattutto il Fondo archivistico Ignazio Cerio, costituito dal carteggio di questi con scienziati (difficile la valutazione quantitativa di quest'ultimo).

volumi biblioteca: 50
documenti archivio: 0
numero immagini: 40
Laboratori
Nuove tecnologie
utilizzo nuove tecnologie: Si
Sito internet.
Pubblicazioni (1998-2000)
studi e ricerche: 1
cataloghi e guide: 0
pubblicazioni informatiche: 0
Si tratta di una monografia sulle ricerche etno-antropologiche a Capri: SANTAGATA, C., La preistoria a Capri. Cronaca delle ricerche all’epoca di Ignazio Cerio, Capri, La Conchiglia, 1999.

Annotazioni
Le fotografie sono qui pubblicate per gentile concessione dell'ente.
persone intervistate: Filippo Barattolo, Sara Bartiloro,Carmelina Fiorentino
data compilazione: 23/10/2003
TOP
 
 

Vetrine con reperti naturalistici

Fossile di ellipsactinia

Microfossili

Homalina

Molare di Mammuth

Papavero

 
 
 
  Tutti i testi e i materiali sono liberamente riproducibili per fini scientifici e didattici previa citazione della fonte e comunicazione agli autori. Ogni altro utilizzo deve essere autorizzato dagli autori