home
censimento
collezioni
ricerca
scheda di catalogazione
indice geografico
indice tematico
naturalistica
medico-farmaceutica
etno-antropologica
tecnico scientifica e industriale
agraria
altro
indice analitico
istituzioni scolastiche
istituzioni museali
risultati
statistiche
statistiche enti
statistiche collezioni
quadri riassuntivi
generale
enti
collezioni
il gruppo di lavoro
informazioni
crediti
guestbook
contattateci
 
 
Museo Vesuviano G.B. Alfano
Via Colle San Bartolomeo (Villino B. Longo)
80045 Via Colle San Bartolomeo (Villino B. Longo) (Napoli)

tel. 0818507255
fax 0818632401
e-mail pompei@uniplan.it
sito web htttp://www.uniplan.it/pompei/azienda

natura giuridica: Privato- Ente non economico

responsabile: Luigi Garzillo

fondato nel 1911
storia: Fu fondato dal Prof. Giovan Battista Alfano, religioso, che dal 1906 dirigeva l'Osservatorio Meteorico Geodinamico Vulcanologico di Pompei. In un primo tempo il Museo fu ubicato nel Pontificio Ospizio Educativo "Bartolo Longo", in Via Sacra n. 31. Qui Padre Alfano espose in 4 sale la sua collezione privata, costituita da un gran numero di rocce minerali, stampe, fotografie e altri 1300 opuscoli e libri riguardanti il Vesuvio e i Campi Flegrei. Dal 1933 Padre Alfano ne lasciò la direzione: gli strumenti e il numeroso materiale furono accantonati e il Museo decadde. Il 13 novembre 1974 venne inaugurato il nuovo Museo Vesuviano dedicato a Padre Alfano. Sotto la guida scientifica del Prof. Antonino Parancandolo, docente di Mineralogia nell'Università di Napoli e allievo di Padre Alfano, parte del materiale fu recuperata e sistemata nei locali delle opere del Santuario. Alla fine degli anni '80 il Museo trovò una nuova ubicazione al 2° piano del villino Bartolo Longo. E' attualmente gestito dall’Azienda autonoma cura soggiorno turismo di Pompei, il cui direttore è Luigi Garzillo.

Collezioni
Collezione Vesuviana - Museo Vesuviano G.B. Alfano (Na)
E' costituita da campioni di minerali vulcanici (rocce vesuviane, tra cui alcune "bombe"), stampe ricavate da volumi antichi, gouaches a colori tratte dal volume di Sir W. Hamilton "Campi Phlegraei", fotografie d'epoca che documentano l’attività vulcanica del Vesuvio, ceneri vesuviane raccolte in boccette di vetro. Inoltre 5 gigantografie riguardanti Stabiae, Pompei ed Ercolano e una recente riproduzione di una pianta prospettica di Napoli.

Spazi espositivi
4 sale

superficie espositiva dedicata: 300 m2
superficie espositiva condivisa: 0 m2
superficie ad uso di deposito: 0 m2
Personale
dipendenti: 2
contrattisti: 0
volontari: 0
Apertura
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: 08:30-14:00
costo del biglietto: intero €0
ingressi a pagamento:
ingressi gratuiti:
visita guidata: Si (su richiesta)
bookshop: No
materiale informativo: Si
Depliant sulla storia del Museo
Biblioteca, archivio storico, fototeca
volumi biblioteca: 0
documenti archivio: 0
numero immagini: 0
Laboratori
Nuove tecnologie
utilizzo nuove tecnologie: No
Pubblicazioni (1998-2000)
studi e ricerche: 0
cataloghi e guide: 0
pubblicazioni informatiche: 0
Annotazioni
Le fotografie sono qui pubblicate per gentile concessione dell'ente
persone intervistate: Luigi Garzillo
data compilazione: 29/10/2003
TOP
 
 

Villino B. Longo, sede del Museo

Giovan Battista Alfano durante le sue osservazioni

Una sala dell'Osservatorio di Valle di Pompei con i pendoli orizzontali (1910)

La Sala B con stampe d'epoca

La Sala B con vetrine ostensive

La Sala D (1)

La Sala D (2)

 
 
 
  Tutti i testi e i materiali sono liberamente riproducibili per fini scientifici e didattici previa citazione della fonte e comunicazione agli autori. Ogni altro utilizzo deve essere autorizzato dagli autori