UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Dopo Laurea - Tirocinio professionalizzante di psicologia
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Tirocinio per i laureati in Psicologia LM-51 (previgenti ordinamenti)

La legge 8 novembre 2021, n. 163, recante Disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti e in particolare l'art. 7 c. 1 prevede che "Coloro che hanno conseguito o che conseguono la laurea magistrale in Psicologia in base ai previgenti ordinamenti didattici non abilitanti acquisiscono l'abilitazione all'esercizio della professione di psicologo previo superamento di un tirocinio pratico valutativo e di una prova pratica valutativa" (ALBO A).

Con decreto del MIUR di concerto con il Ministero della Salute n. 567 del 20.6.2022 sono state stabilite la durata e le modalitÓ di svolgimento e di valutazione del tirocinio pratico valutativo nonchÚ le modalitÓ di svolgimento e di valutazione della prova pratica valutativa.

L'UniversitÓ degli studi Suor Orsola Benincasa, attiva le attivitÓ di TPV prioritariamente per i propri laureati e potrÓ attivare il Tirocinio Pratico Valutativo in psicologia per laureati provenienti da altri Atenei esclusivamente previa disponibilitÓ, da parte del soggetto Promotore, di posizioni aperte e previo colloquio conoscitivo effettuato dai tutor del corso di laurea in Psicologia utilizzando l'indirizzo di posta elettronica presente nella pagina contatti (voce "Tutoraggio tirocini").

Scelta dell'Ente

Il tirocinante deve individuare all'interno dell'elenco l'Ente/Azienda consultando la banca dati sul sito di Ateneo www.unisob.na.it a questo collegamento. Tutte le convenzioni presenti nella banca dati d'Ateneo, contraddistinte come "Professionalizzanti", posseggono i requisiti richiesti dalla normativa.

Il tirocinante pu˛ contattare la struttura autonomamente per verificare la possibilitÓ di svolgimento del Tirocinio. Nel caso in cui il tirocinante voglia far convenzionare un nuovo ente, dovrÓ fornire il nome dell'ente e i contatti relativi al Placement Office & Career Service di Ateneo che provvederÓ poi ad inoltrare la richiesta e ad espletare le procedure amministrative previste. Le strutture sedi del tirocinio devono presentare i requisiti come disposto dal Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi (art. 3 - Linee d'indirizzo sui tirocini professionalizzanti approvate dal Tavolo ordine UniversitÓ in data 24 ottobre 2022) e ottenere il riconoscimento unanime dell'Ordine e della Commissione Paritetica di Dipartimento.

Tirocinio Pratico Valutativo (TPV)

Il Tirocinio Pratico Valutativo (TPV) consiste in 750 ore di attivitÓ formativa professionalizzante, corrispondenti a 30 CFU.

L'attivitÓ formativa professionalizzante deve essere svolta in contesti operativi presso qualificati enti esterni convenzionati con le universitÓ, nelle modalitÓ di seguito indicate:
1) 750 ore di TPV potranno essere svolte presso la medesima sede;
2) 375 ore potranno essere svolte presso due sedi diverse.

La durata massima del TPV Ŕ di 12 mesi; Ŕ prevista una durata minima di almeno 7 mesi fermo restando che non Ŕ possibile superare le 6 ore giornaliere e le 30 ore settimanali. Il monte ore settimanale e la distribuzione delle ore dovranno essere concordate con il tutor della sede.

Nel caso in cui siano scelte due strutture diverse Ŕ necessario differenziare i periodi che devono comunque essere consecutivi. In questo caso Ŕ necessario compilare due progetti formativi, uno per ogni struttura.

Formalizzazione dell'attivazione del Tirocinio Pratico Valutativo

Il Tirocinio Pratico valutativo (TPV) potrÓ essere attivato dal 1░ settembre al 15 luglio di ciascun anno accademico.

Una volta scelto l'ente presso cui svolgere il tirocinio professionalizzante il laureato deve:
1. scaricare la modulistica da questo collegamento;
2. compilare la domanda di iscrizione come previsto dalla modulistica;
3. Per i laureati Unisob effettuare il versamento della quota di iscrizione pari ad € 250,00.
4. Per i laureati provenienti da altri Atenei effettuare il versamento della quota di iscrizione pari ad € 300,00.
Il versamento Ŕ da effettuarsi presso tutte le sedi Intesa San Paolo S.p.a. mediante MAV prestampato. Il contributo include anche la copertura assicurativa contro i rischi di responsabilitÓ Civile verso terzi e contro gli infortuni.
5. Presentare autocertificazione del possesso dei requisiti per iniziare l'attivitÓ (autocertificazione di laurea).
Il tirocinante deve compilare il progetto formativo, scaricabile sul sito da questo collegamento controfirmato dal responsabile dell'Ente. Il progetto formativo e tutta la modulistica relativi ai punti 2 e 5 scaricata sempre dal sito di Ateneo, debitamente compilata e firmata, deve essere inviata almeno una settimana prima l'inizio del tirocinio al Placement Office & Career Service di Ateneo a questo indirizzo e-mail.

Svolgimento del tirocinio

1. La frequenza giornaliera del tirocinio deve essere registrata sul "libretto di tirocinio" rilasciato al tirocinante dal Placement Office & Career Service di Ateneo.
2. Al termine del tirocinio il laureato riconsegnerÓ all'ufficio di competenza:
a. libretto di tirocinio, debitamente compilato dal tutor controfirmato e timbrato dal responsabile legale dell'Ente/Azienda ospitante;
b. una relazione a firma del tirocinante, controfirmata dal tutor e recante il timbro dell'Ente/Azienda ospitante;
c. questionario di valutazione finale redatto a cura del tutor;
d. questionario di autovalutazione a cura dello studente.
3. Il libretto deve essere compilato segnalando:
- i dati anagrafici del tirocinante;
- i dati relativi all'Ente presso cui si svolge il Tirocinio;
- il numero di ore di presenza;
4. attestazione di idoneitÓ compilata e firmata dal tutor aziendale.

Interruzione del tirocinio

Il tirocinio deve essere continuativo. Il tirocinio eventualmente interrotto non pu˛ superare il periodo di tre mesi. Nel caso in cui l'interruzione superi tale arco temporale, i periodi di tirocinio maturati ed eventualmente interrotti, non potranno concorrere al computo complessivo del periodo di tirocinio. L'interruzione deve essere motivata da motivi di salute o casi eccezionali debitamente documentati. Anche eventuale domanda di modifica della sede di tirocinio in corso deve essere motivata dal tirocinante e verrÓ valutata dalla Commissione Tirocini, caso per caso.

Il tirocinante deve presentare apposita domanda alla Commissione tirocini che si riserverÓ di valutare caso per caso. Nel caso in cui la domanda venga accettata sarÓ cura del tirocinante rendere il libretto tirocini al Placement Office & Career Service di Ateneo. Il libretto gli verrÓ riconsegnato alla ripresa dell'attivitÓ di tirocinio.

Informazioni generali

La modulistica di tirocinio va sempre presentata almeno una settimana prima di iniziare il tirocinio stesso. Non verranno riconosciuti in nessun caso tirocini svolti senza aver presentato la documentazione necessaria e non verranno presi in considerazione, ai fini del calcolo dei giorni di tirocinio effettuati, attivitÓ svolte antecedentemente la consegna della documentazione.

Allegato - Contenuti generali da inserire nei progetti di Tirocinio Pratico Valutativo (TPV)

(e da integrare con parti specificamente rivolte all'ambito e alla Struttura dove il tirocinio si svolge)
- Diagnosi psicologica mediante l'utilizzo di test e di altri strumenti standardizzati per l'analisi del comportamento, dei processi cognitivi, delle opinioni e degli atteggiamenti, dei bisogni e delle motivazioni, dell'interazione sociale, dell'idoneitÓ psicologica e specifici compiti e condizioni;
- pratica del colloquio clinico e dell'osservazione contestualizzata a specifici settori;
- partecipazione alla stesura del bilancio di competenze nella disabilitÓ e nel disagio, all'analisi delle risorse, dei bisogni e delle aspettative del soggetto, nonchÚ delle richieste e delle risorse dell'ambiente;
- attuazione di interventi per la riabilitazione, rieducazione funzionale e integrazione sociale di soggetti con disabilitÓ, con deficit neuropsicologici, con deterioramento cognitivo, con disturbi psichiatrici o con dipendenza da sostanze;
- realizzazione di interventi diretti a sostenere la relazione familiare, a ridurre il carico di assistenza, a sviluppare reti di sostegno e di aiuto nelle situazioni di disabilitÓ;
- interventi psico-educativi e nella attivitÓ di promozione della salute, di modifica dei comportamenti a rischio, di inserimento e partecipazione sociale;
- realizzazione di progetti formativi diretti a promuovere lo sviluppo delle potenzialitÓ di crescita individuale e di integrazione sociale, a facilitare i processi di comunicazione, e a migliorare la gestione dello stress e la qualitÓ della vita;
- applicazione di protocolli per l'orientamento professionale, per l'analisi dei bisogni formativi, per la selezione e la valorizzazione delle risorse umane;
- applicazione di conoscenze ergonomiche alla progettazione di tecnologie e al miglioramento dell'interazione fra individui e specifici contesti di attivitÓ;
- esecuzione di progetti di analisi organizzativa, e di prevenzione e formazione sulle tematiche del rischio e della sicurezza nei contesti lavorativi;
- elaborazione di dati per la sintesi psicodiagnostica su temi specifici;
- costruzione e/o adattamento allo specifico contesto di strumenti di indagine psicologica;
- attivitÓ formativa nell'ambito delle specifiche competenze caratterizzanti il settore.

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/24 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti