UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Dipartimento di Scienze formative, psicologiche e della comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Corso di laurea in Scienze dell'educazione

a.a. 2021/22

Prospettive occupazionali

Educatore professionale socio-pedagogico (ai sensi della Legge del 27 dicembre 2017, n. 205, art. 1, commi 594-600)

Funzione in un contesto di lavoro:
Il corso di laurea in Scienze dell'educazione, attraverso tutti i suoi curricula, forma e qualifica l'educatore professionale socio-pedagogico, figura professionale riconosciuta dalla Legge del 27 dicembre 2017, n. 205, art. 1, commi 594-600. Cosý come recita il comma 594, l'educatore professionale socio-pedagogico opera nell'ambito educativo e formativo in rapporto a qualsiasi attivitÓ svolta in modo formale, non formale e informale, nelle varie fasi della vita, in una prospettiva di crescita personale e sociale, secondo le definizioni contenute nell'articolo 2 del Decreto Legislativo 16 gennaio 2013, n. 13, perseguendo gli obiettivi della Strategia europea deliberata dal Consiglio europeo di Lisbona del 23 e 24 marzo 2000. In particolare, tale figura professionale svolge funzioni intellettuali con proprie autonomia scientifica e responsabilitÓ deontologica, con l'uso di strumenti conoscitivi specifici di tipo teorico e metodologico, per la progettazione, programmazione, gestione, monitoraggio e valutazione degli interventi educativi, indirizzati alla persona e ai gruppi.

Competenze associate alla funzione:
Alla fine del triennio, indipendentemente dal curriculum scelto, il laureato maturerÓ una serie di competenze spendibili nei diversi contesti educativi nei quale Ŕ prevista la figura dell'educatore professionale socio-pedagogico. In particolare, tali competenze sono relative a:
- la progettazione degli interventi educativi attraverso l'analisi del contesto socio-culturale e organizzativo in cui si opera, l'analisi dei bisogni educativi e formativi dell'utenza con cui si lavora, l'individuazione di obiettivi educativi di lungo, medio e breve periodo specifici per il gruppo e/o l'individuo a cui l'attivitÓ Ŕ indirizzata;
- la programmazione e la gestione degli interventi educativi attraverso l'individuazione dei metodi educativi da utilizzare nella relazione con l'utente, delle attivitÓ educative da svolgere per il raggiungimento degli obiettivi individuati e delle risorse (temporali, umane, materiali, economiche) da impiegare per l'adeguato svolgimento delle attivitÓ;
- il monitoraggio e la valutazione degli interventi educativi attraverso l'osservazione e l'analisi continua e costante della relazione educativa nel suo complesso e dei risultati ottenuti con le specifiche attivitÓ programmate ed erogate, anche al fine di riprogettare nel breve e/o nel medio-lungo periodo gli interventi educativi rivolti alla stessa utenza.

Sbocchi occupazionali:
Il laureato in Scienze dell'educazione, indipendentemente dal curriculum scelto, potrÓ spendere la propria professionalitÓ nei diversi contesti educativi in cui Ŕ prevista la figura dell'educatore professionale socio-pedagogico ossia nei servizi, nei presidi e nelle strutture, pubbliche e/o private, di tipo socio-educativo e socio-assistenziale, nei confronti di persone e gruppi di ogni etÓ, prioritariamente nei seguenti ambiti:
- educativo e formativo (servizi educativi e formativi per ogni tipologia di utenza);
- scolastico, limitatamente alle attivitÓ di educazione non formale;
- socio-assistenziale, limitatamente agli aspetti socio-educativi (servizi residenziali, domicialiari, territoriali quali le comunitÓ infantili e per minori, le comunitÓ per persone affette da dipendenza da sostanze e/o attivitÓ, i centri di accoglienza per migranti, le comunitÓ per persone con disabilitÓ e per anziani);
- della genitorialitÓ e della famiglia (consultori familiari e servizi per il sostegno alla genitorialitÓ);
- culturale (centri di aggregazione giovanile, biblioteche, mediateche, musei, ecc.);
- giudiziario (carceri, comunitÓ di recupero e centri di accoglienza per detenuti ed ex-detenuti);
- ambientale (parchi, ecomusei, agenzie per l'ambiente, ecc.);
- sportivo e motorio;
- dell'integrazione e della cooperazione internazionale.

Educatore dei servizi educativi per l'infanzia (ai sensi del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 65, art. 14, comma 3)

Funzione in un contesto di lavoro:
L'Educatore dei servizi educativi per l'infanzia svolge la propria attivitÓ professionale nei nidi d'infanzia, nei micro-nidi, nelle sezioni primavera e nei servizi integrativi per l'infanzia (spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare), ai sensi del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 65, art. 14, comma 3. Inoltre, essendo un laureato in Scienze dell'educazione, Ŕ comunque qualificato nello svolgimento della professione di educatore professionale socio-pedagogico (ai sensi della Legge del 27 dicembre 2017, n. 205, art. 1, commi 594-600), che svolge funzioni intellettuali con proprie autonomia scientifica e responsabilitÓ deontologica, con l'uso di strumenti conoscitivi specifici di tipo teorico e metodologico, per la progettazione, programmazione, gestione, monitoraggio e valutazione degli interventi educativi, indirizzati alla persona e ai gruppi.

Competenze associate alla funzione:
Alla fine del triennio, il laureato maturerÓ una serie di competenze spendibili nei diversi contesti educativi nei quale Ŕ prevista la figura dell'educatore dei servizi educativi per l'infanzia.
In particolare, tali competenze sono relative a:
- la progettazione degli interventi educativi nei servizi per l'infanzia, attraverso l'analisi del contesto socio-culturale e organizzativo in cui si opera, l'analisi dei bisogni educativi e formativi dell'utenza con cui si lavora, l'individuazione di obiettivi educativi di lungo, medio e breve periodo;
- la programmazione e la gestione degli interventi educativi nei servizi per l'infanzia, attraverso l'individuazione dei metodi educativi da utilizzare nella relazione con bambine e bambini, delle attivitÓ educative da svolgere per il raggiungimento degli obiettivi individuati e delle risorse (temporali, umane, materiali, economiche) da impiegare per l'adeguato svolgimento delle attivitÓ;
- il monitoraggio e la valutazione degli interventi educativi nei servizi per l'infanzia, attraverso l'osservazione e l'analisi continua e costante della relazione educativa nel suo complesso e dei risultati ottenuti con le specifiche attivitÓ programmate ed erogate, anche al fine di riprogettare gli interventi nel breve e/o nel medio-lungo periodo.

Sbocchi occupazionali:
L'educatore dei servizi educativi per l'infanzia potrÓ svolgere la sue funzioni professionali nei nidi d'infanzia, nei micro-nidi, nelle sezioni primavera e nei servizi integrativi per l'infanzia (spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare). Inoltre, in quanto laureato in Scienze dell'educazione, potrÓ spendere la propria professionalitÓ nei diversi contesti educativi in cui Ŕ prevista la figura dell'educatore professionale socio-pedagogico.

Men¨ della FacoltÓ
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 3 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/21 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti