Dipartimento di
Scienze formative, psicologiche e della comunicazione

Servizio LePrE
Informazioni in tempo reale su orari delle Lezioni, Programmi di studio e appelli d'Esame

Versione stampabile

Lingua e grammatica italiana
Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria
CFU: 12
SSD: L-FIL-LET/12
Docente: Silvia Zoppi Garampi
Anno Accademico 2023/2024

 

Versione italiana

Prerequisiti
Conoscenza più che buona della lingua italiana scritta e parlata. Livello C1 equivalente a CELI 4, CILS 3, DALI C1, PLIDA C1.

Obiettivi
1. Conoscenza e comprensione:
al termine del corso annuale lo studente conosce i lineamenti della storia della lingua italiana e conosce gli elementi di base della grammatica italiana.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
al termine del corso lo studente ha letto e contestualizzato alcuni testi italiani dal medioevo all’età contemporanea. Sa adoperare correttamente gli elementi di base della grammatica italiana; sa utilizzare gli strumenti propri della ricerca linguistica (dizionari storici, etimologici, ecc.), anche su supporto elettronico.

Contenuto
Corso:
Lineamenti di storia della lingua italiana e fondamenti della grammatica italiana moderna. Addestramento di base all’analisi storico-linguistica di testi in italiano moderno privilegiando i seguenti argomenti: pronuncia, neologia, morfologia lessicale, sintassi, strategie enunciative, fraseggio.
Seminario:
Insegnare l’italiano nella scuola primaria: percorsi di apprendimento della scrittura e della lettura.

Testi adottati
Luca Serianni, Grammatica italiana, Torino, UTET, 2006 (e seguenti ristampe).

Bibliografia di riferimento
A.A. Sobrero (a cura di), Introduzione all'italiano contemporaneo. Le strutture, Roma-Bari, Laterza, 2000 (1ed. 1993). Argomenti da approfondire: "che" polivalente, dislocazioni e fenomeni collegati (tematizzazioni, temi sospesi, etc.).
G. Berruto, Sociolinguistica dell'italiano contemporaneo, Roma, Carocci, 2000 (1 ed. 1987, La Nuova Italia Scientifica). In particolare i concetti di: standard, neostandard, standardizzazione, norma.
M. Dardano, Costruire parole, la morfologia derivativa dell'italiano, Bologna, Il Mulino, 2009.

Per gli studenti che non abbiano basi linguistiche e/o grammaticali potrà essere utile, come riferimento generale, e come introduzione ai singoli argomenti di studio:
Francesco Sabatini, Carmela Camodeca, Cristiana De Santis, Sistema e Testo. Dalla grammatica valenziale all'esperienza dei testi, Loescher, 2011;
F. Frasnedi, Y. Martari, C. Panzieri, La lingua per un maestro, Milano, Franco Angeli, 2008 (II edizione).

Per la didattica dell'italiano nelle scuole primarie (seminario):
E. Ardissino (a cura di), Insegnare e apprendere l'italiano nella scuola dell'infanzia e primaria, Milano, Mondadori università, 2017.
V. Panico - C. Romano, Experire cogitando. L' esperienza della grammatica nelle classi quarta e quinta primaria, Napoli 2017.

Metodo di insegnamento
Ogni lezione è costituita da tre parti: la parte teorica, l'esercitazione scritta sull'argomento spiegato e la correzione collegiale. Le esercitazioni sono singole o in piccoli gruppi. Durante le lezioni sono usati supporti digitali (power point) anche in rete (siti specifici).
Sarà attivato un seminario dedicato alla didattica della grammatica italiana.

Metodo di valutazione
Prova scritta
Valutazione itinere
Studentesse e studenti vengono valutati sulla base della conoscenza del programma del corso e della capacità di esprimersi in un corretto italiano scritto. L’esame scritto consiste in una serie di esercizi: comprensione del testo, test a risposte multiple, domande aperte. Durante il corso annuale, periodicamente si svolgono esercitazioni su porzioni di programma in modo da facilitare l’esame finale. Anche per tale motivo è consigliata la frequenza.

Note
Si invitano studentesse e studenti a consultare periodicamente nel sito dell'Ateneo l'area personale della docente. La docente pubblica avvisi su attività integrative, opportunità di approfondimenti o semplici comunicazioni.

 

English version

Prerequisites
Knowledge more than good of written and spoken Italian language. Level C1 equivalent to CELI 4, CILS 3, DALI C1, PLIDA C1.

Learning outcomes
1. Knowledge and understanding:
at the end of the annual course the student knows the features of the history of the Italian language and the basic elements of Italian grammar.
2. Ability to apply knowledge and understanding:
at the end of the course, the student is able to read and to contextualize some Italian texts from the Middle Ages to the Contemporary Age. The students is able to use the basic elements of Italian grammar correctly; to use the tools of linguistic research (historical dictionaries, etymology dictionaries, etc.), also on electronic support.

Course contents
Course:
Features of the history of the Italian language and foundations of modern Italian grammar. Basic training in the historical-linguistic analysis of texts in modern Italian, focusing in particular on the following topics: pronunciation, neology, lexical morphology, syntax, enunciative strategies, phrasing.
Seminary:
Teaching Italian in primary school: paths of learning writing and reading.

Text Books
Luca Serianni, Grammatica italiana, Torino, UTET, 2006 (and subsequent editions).

Bibliography
A.A. Sobrero (editor), Introduzione all'italiano contemporaneo. Le strutture, Roma-Bari, Laterza, 2000 (1ed. 1993). Topics for further study: "che" polivalente, dislocazioni e fenomeni collegati (tematizzazioni, temi sospesi, etc.).
G. Berruto, Sociolinguistica dell'italiano contemporaneo, Roma, Carocci, 2000 (1 ed. 1987, La Nuova Italia Scientifica). Topics for further study: standard, neostandard, standardizzazione, norma.
M. Dardano, Costruire parole, la morfologia derivativa dell'italiano, Bologna, Il Mulino, 2009.

For students who have no basis in language and/or grammar, it may be useful as a general reference, and as an introduction to individual study topics:
Francesco Sabatini, Carmela Camodeca, Cristiana De Santis, Sistema e Testo. Dalla grammatica valenziale all'esperienza dei testi, Loescher, 2011;
F. Frasnedi, Y. Martari, C. Panzieri, La lingua per un maestro, Milano, Franco Angeli, 2008 (II edizione).

For the teaching of Italian in elementary school (seminar):
E. Ardissino (a cura di), Insegnare e apprendere l'italiano nella scuola dell'infanzia e primaria, Milano, Mondadori università, 2017.
V. Panico - C. Romano, Experire cogitando. L' esperienza della grammatica nelle classi quarta e quinta primaria, Napoli 2017.

Teaching methods
For each topic in class a written exercise with a collegial correction is provided. The exercises are single or in small groups. During the lessons digital supports (power point) are also used on the network (specific sites).
A seminar dedicated to the teaching of Italian grammar will be activated.

Assessment methods
Written Examination
Continuous Assessment
The student is assessed on knowledge of the course syllabus and ability to express himself/herself in correct oral and written Italian. The written exam consists of a series of exercises: text comprehension, multiple-choice tests, and open-ended questions. Periodic exercises on portions of the syllabus are conducted during the annual course to facilitate the final exam. This is another reason why course attendance is recommended.

Notes
Students are encouraged to consult the professor's personal area on the University website periodically. The professor posts announcements about extra activities, opportunities for further study, or simple messages.

Ultimo aggiornamento: 5.8.2023 ore 17:34

© 2004/24 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0