ARGeNtWEB

Flash-Jus

Ne bis in idem... sì, ma non sempre!

Reiterare un avviso di liquidazione irregolare anche se non sono emersi elementi nuovi tali da giustificare un avviso integrativo? Secondo la Corte di Cassazione si può. I giudici di legittimità, con la sentenza n. 4823/2014, hanno riconosciuto che gli uffici dell'Agenzia delle Entrate, dopo aver annullato in sede di autotutela un precedente avviso nullo per mancanza della sottoscrizione, possono rinotificare al contribuente un nuovo identico atto, purché non siano decorsi i termini di decadenza. Non si configura infatti la violazione del divieto di doppia imposizione se il secondo avviso è identico nel contenuto e nel numero di protocollo identificativo al primo atto. E questo potere dell'Amministrazione Finanziaria non sarebbe precluso neppure nell'ipotesi di ricorso del contribuente.

n° 1016 - giovedì 6 marzo 2014
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Agenzia delle Entrate | Diritto tributario | Avviso di liquidazione | Autotutela



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0