ARGeNtWEB

Flash-Jus

Separazione coniugi e negoziazione assistita: adempimenti dell'avvocato e dell'ufficiale di stato civile

Il Ministero dell'Interno, con circolare n. 16/2014, ha fornito alcuni chiarimenti circa gli adempimenti cui avvocati e ufficiali di stato civile sono tenuti per effetto dell'art. 6 del D.L. 132/2014 che prevede che i coniugi possano stipulare, in alcuni casi, una convenzione di negoziazione assistita da un avvocato per le soluzioni consensuali di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio. La circolare ministeriale ha stabilito che l'avvocato, entro 10 giorni, dovrà trasmettere copia dell'accordo, previa autenticazione, all'ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto. In caso di violazione del suddetto obbligo, l'avvocato incorre in una sanzione amministrativa pecuniaria da € 5.000 ad € 50.000. L'ufficiale dello stato civile, invece, deve procedere alla registrazione dei provvedimenti di cui trattasi e alla conseguente annotazione a margine dell'atto di matrimonio e di nascita di entrambi i coniugi ed alla comunicazione in anagrafe per i conseguenti aggiornamenti.

n° 1120 - giovedì 16 ottobre 2014
vai alla fonte Ministero dell'Interno
tag Diritto di famiglia | Coniugi | Matrimonio | Separazione personale | Convenzione di negoziazione assistita | Avvocato | D.L. 132/2014



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0