ARGeNtWEB

Flash-Jus

Buone notizie per Fido: sarà punito chi tiene i cani in gabbie maleodoranti

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 45230/2014, ha stabilito che è reato non impedire le esalazioni maleodoranti provenienti dalle gabbie in cui sono tenuti alcuni cani. I cattivi odori sarebbero infatti lesivi per gli altri condomini. Sarà compito del proprietario degli animali, dunque, non solo evitare che gli animali abbaino, disturbando le altre persone, ma anche tenere puliti gli spazi dedicati ai cani. La Corte ha, inoltre, stabilito che, per quanto riguarda l'articolo 659 del codice penale riguardante il disturbo delle occupazione o del riposo delle persone, basta che la situazione sia potenzialmente idonea a danneggiare un numero indeterminato di persone, anche se il condominio nel suo complesso non ha intrapreso azioni giudiziarie.

n° 1155 - giovedì 13 novembre 2014
vai alla fonte Il Quotidiano del Diritto - Il Sole 24 Ore
tag Corte di Cassazione | Animali | Tutela | Condominio



© 2004/24 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0