ARGeNtWEB

Flash-Jus

Donazione organi: un dato... in "Comune"

Sarà possibile inserire sulla carta di identità il consenso (o il diniego) alla donazione dei propri organi o di tessuti in caso di morte. Tale scelta potrà essere comunicata presso il Comune di appartenenza al momento della richiesta o del rinnovo del documento d'identità. Il Garante Privacy ha, infatti, espresso parere favorevole (accompagnato da specifiche raccomandazioni sulla richiesta ed utilizzo dei dati) ad apposite Linee Guida che disciplinano tale possibilità. Tali Linee saranno predisposte dal Ministero della salute e dal Ministero dell'interno ed indicheranno "le modalità operative e organizzative per dare attuazione alla normativa che introduce questa nuova possibilità di manifestazione della volontà". La dichiarazione volontaria (e non obbligatoria) rilasciata dal cittadino sarà registrata dall'ufficiale dell'anagrafe ed inviata al Sistema informativo trapianti (Sit) per l'inserimento in un'apposita banca dati, consultata h24 dai centri per i trapianti. Il cittadino potrà sempre modificare la propria dichiarazione presso le aziende ospedaliere, le Asl, gli ambulatori dei medici di base, i centri regionali per i trapianti o, in occasione del rinnovo della carta d'identità, presso i Comuni.

n° 1265 - giovedì 2 luglio 2015
vai alla fonte Garante per la protezione dei dati personali
tag Garante privacy | Trattamento dati | Dati sensibili | Dato comune | Carta d'identità



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0