ARGeNtWEB

Flash-Jus

Infortuni sul lavoro, il lavoratore é (ir)...responsabile

Il datore di lavoro deve operare un controllo continuo per imporre al lavoratore il rispetto della normativa anti-infortunistica. La responsabilità del datore può escludersi solo quando il comportamento del lavoratore ha carattere di eccezionalità e abnormità rispetto alle direttive ricevute. In caso contrario, nessuna condotta del lavoratore può essere considerata causa primaria dell'infortunio. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24469/2015, chiarendo che l'eventuale colpa concorrente del lavoratore non si configura come esimente per il soggetto obbligato a far rispettare la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

n° 1275 - giovedì 9 luglio 2015
vai alla fonte Persona e danno
tag Corte di Cassazione | Datore di lavoro | Lavoratore | Infortuni sul lavoro | Sicurezza nei luoghi di lavoro | Rapporto di lavoro | Lavoro | Diritto del lavoro



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0