ARGeNtWEB

Flash-Jus

Un saluto troppo... romano

Alzare il braccio destro, richiamando il classico saluto fascista, pur in assenza di comportamenti violenti o razzisti, configura il reato di "apologia di fascismo", ed è quindi sanzionabile con la reclusione e la irrogazione di una multa. I giudici della Corte di Cassazione, con sentenza n. 20450/2016, hanno confermato la condanna inflitta dai giudici di merito nei confronti di un gruppo di tifosi che, durante la partita di calcio della nazionale italiana, avevano accompagnato l'inno di Mameli con il braccio teso. Secondo i giudici, il saluto "romano", effettuato da estremisti già conosciuti per le posizioni politiche, rimanda ad un'ideologia caratterizzata da ideali e valori antitetici con quelli repubblicani e quindi quel comportamento, sia pure non pericoloso, è da sanzionare penalmente.

n° 1388 - giovedì 26 maggio 2016
vai alla fonte Ministero della Giustizia
tag Corte di Cassazione | Reato | Razzismo | Multa



© 2004/23 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0