ARGeNtWEB

Flash-Jus

Dubbi sui punitive damages

Con l'ordinanza del 16 maggio 2016 n. 9978 è stata rimessa al giudizio delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione una controversia relativa al riconoscimento di una sentenza straniera di condanna al pagamento di danni punitivi. La vicenda trae origine dall'individuazione di un difetto di fabbricazione del casco indossato da un motociclista americano che ha riportato gravi danni fisici in seguito ad un incidente, avvenuto durante una competizione, per il quale sono state citate in giudizio la società produttrice italiana e la società rivenditrice americana. La società rivenditrice dopo aver stipulato un accordo transattivo con il ragazzo ha agito in giudizio innanzi al Giudice americano per la condanna della società italiana alla manleva relativamente alla somma pagata a titolo transattivo. A questo punto la Suprema Corte dovrà decidere se la sentenza straniera di condanna che include i danni punitivi contrasti o meno con l'ordine pubblico.

n° 1389 - giovedì 26 maggio 2016
vai alla fonte Diritto bancario
tag Danni punitivi | Riconoscimento sentenze straniere | Difetto di fabbricazione | Ordine pubblico



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0