ARGeNtWEB

Flash-Jus

Un part time a pieno... diritto

Con la sentenza n. 18709/2016, la Corte di Cassazione ha riconosciuto il principio di non discriminazione tra lavoratori part time e quelli full time. L'unica differenza possibile è quella legata al minor numero di ore lavorate che quindi determina una retribuzione inferiore. Pertanto, a livello contrattuale, il lavoratore part time deve vedersi riconosciuti gli stessi diritti che sono garantiti ai lavoratori a tempo pieno ed ogni altro criterio valutativo, che non sia legato alla ridotta entità della prestazione lavorativa, è da considerarsi discriminatorio.

n° 1416 - giovedì 6 ottobre 2016
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Lavoratore | Datore di lavoro | Discriminazione



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0