ARGeNtWEB

Flash-Jus

Pronto, chi parla?

Le telefonate mute fatte in orari notturni possono configurare il reato di stalking. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 45547/2016, ha annullato e rinviato la sentenza al giudice di merito che invece aveva dichiarato il non luogo a procedere in capo ad un soggetto che aveva posto in essere una serie di telefonate "silenziose" in un arco temporale di venti mesi. Secondo gli "Ermellini", la frequenza delle telefonate è decisiva per distinguere il reato di stalking dal quello molestia o disturbo alle persone. In entrambi i casi vi è comunque una condotta lesiva e quindi penalmente rilevante.

n° 1427 - giovedì 3 novembre 2016
vai alla fonte La legge per tutti
tag Corte di Cassazione | Cassazione penale | Reato | Atti persecutori | Art. 612-bis c.p. | Molestia | Stalking



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0