ARGeNtWEB

Flash-Jus

Il sequestro nei reati paesaggistici: interviene la Cassazione

Con sentenza n. 40677 del 29/09/2016 la III sezione della Suprema Corte di Cassazione ha stabilito che, in tema di reati paesaggistici, perché possa applicarsi la misura cautelare del sequestro preventivo non è sufficiente il mero accertamento che gli abusi siano stati eseguiti in zona soggetta a vincolo. In particolare i giudici di legittimità, accogliendo un orientamento diverso rispetto a quello affermatosi nei giudizi di merito, hanno evidenziato come la mera esistenza di una struttura abusiva non integri i requisiti di concretezza e attualità del pericolo indispensabili per l'applicazione del sequestro preventivo, ma è necessario che emergano ulteriori elementi utili a dimostrare che la disponibilità del bene abusivo implichi un effettiva lesione dell'ambiente.

n° 1438 - giovedì 17 novembre 2016
vai alla fonte Altalex
tag Abusivismo edilizio | Corte di Cassazione | Misure Cautelari | Sequestro preventivo



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0