ARGeNtWEB

Flash-Jus

Una visita troppo... fiscale!

È legittimo il licenziamento del lavoratore che risulta ripetutamente assente alle visite domiciliari durante le fasce di reperibilità, a meno che non venga dimostrata la necessità indifferibile di allontanarsi da casa. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24681/2016, confermando la legittimità del provvedimento disciplinare a carico del dipendente. I giudici hanno chiarito che l'allontanamento da casa, nelle fasce consentite, è permesso solo se l'uscita non determina un aggravamento della malattia. Infatti, è configurabile in capo al dipendente un vero e proprio obbligo a guarire nel minor tempo possibile, in ragione del rapporto fiduciario con il datore di lavoro.

n° 1445 - giovedì 15 dicembre 2016
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Lavoratore | Datore di lavoro | Rapporto di lavoro | Licenziamento | Giusta causa | Lavoro



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0