ARGeNtWEB

Flash-Jus

Mobbing, per la Cassazione il datore deve prevenire

Il datore di lavoro deve predisporre all'interno della propria azienda tutte le misure necessarie a rimuovere comportamenti persecutori posti in essere ai danni di un proprio dipendente da altri colleghi lavoratori. L'inerzia è idonea a determinare la condotta di mobbing datoriale. È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 74/2017, riconoscendo in capo al datore di lavoro un dovere di protezione nei confronti dei suoi sottoposti, che si traduce anche nella neutralizzazione di comportamenti vessatori idonei a ledere la dignità e la salute del lavoratore.

n° 1453 - giovedì 19 gennaio 2017
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Lavoro | Lavoratore | Datore di lavoro | Mobbing



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0