ARGeNtWEB

Flash-Jus

Malato immaginario, la Corte in soccorso del medico

Le continue e incessanti richieste di essere sottoposto a cure mediche possono configurare il reato di molestia. È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 31467/2017, a proposito di un paziente che, a guarigione avvenuta, in maniera petulante richiedeva, al suo medico curante, continue cure secondo modalità e tempistiche del tutto personali. Secondo i giudici della Corte il reato di molestie si può concretizzare anche con una sola azione di disturbo o violenza caratterizzata da petulanza e capace di interferire nella sfera privata altrui.

n° 1499 - giovedì 29 giugno 2017
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Corte di Cassazione | Reato | Molestia | Medico



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0