ARGeNtWEB

Flash-Jus

Bigenitorialità: tra il dire e il fare... c'è di mezzo il Tribunale!

La Cassazione, in occasione di una sentenza di separazione tra coniugi emessa dal Tribunale di Cosenza, ha sancito che il minore gode del diritto inviolabile alla bigenitorialità, ossia a mantenere il proprio rapporto affettivo con entrambi i genitori, a prescindere dalla disgregazione del nucleo familiare.
Il giudice, prima di procedere all'affidamento, deve valutare le capacità dei genitori di crescere il figlio facendo sì che non sviluppi la "Sindrome da alienazione genitoriale", ossia un disturbo psicologico derivante dall'allontanare il figlio dall'altro coniuge, fomentando in lui sentimenti di rifiuto e disprezzo infondati, con conseguente perdita della relazione affettiva tra figlio e genitore. Nel caso in cui, tramite ctu, sia rilevata alienazione genitoriale, il minore sarà affidato a parenti prossimi o ai Servizi Sociali, fermo restante il diritto di visita e l'obbligo di mantenimento per entrambi i genitori.

n° 1524 - giovedì 30 novembre 2017
vai alla fonte La legge per tutti
tag Giudice | Genitori | Separazione | Figli | Sentenza | Corte di Cassazione | Diritto | Bigenitorialità | Servizi sociali | Affidamento



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0