ARGeNtWEB

Flash-Jus

Blue Whale Challenge, in piedi, entra la Corte!

La Corte di Cassazione, in particolare la quinta sezione penale si è pronunciata sul gioco Blue Whale Challenge affermando, con la sentenza n. 50189/2017, che i messaggi telefonici (chat, sms) scambiati dai partecipanti al gioco, anche se minorenni, contenenti inviti a compiere atti pregiudizievoli per sè, non configurerebbero elementi costitutivi del tentativo di istigazione al suicidio.

n° 1535 - giovedì 25 gennaio 2018
vai alla fonte Gazzetta Ufficiale
tag Corte di Cassazione | Blue Whale Challenge | Istigazione al suicidio



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0