ARGeNtWEB

Flash-Jus

E se il COA ti punisce... porgi l'altra guancia!

A seguito di sanzioni disciplinari inflitte dal Consiglio dell'Ordine (COA) di appartenenza, un avvocato è ricorso in giudizio per contestare la mancanza di giurisdizione (composizione del Consiglio) del COA e il conseguente vizio della decisione presa. I giudici di legittimità, a Sezioni Unite, hanno ritenuto infondate le motivazioni del ricorrente e hanno precisato, sulla base di giurisprudenza consolidata, che il COA è un organo giurisdizionale a tutti gli effetti e pertanto legittimato a emettere provvedimenti disciplinari avverso gli avvocati iscritti.

n° 1553 - mercoledì 30 gennaio 2019
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Corte di Cassazione | Sezioni Unite | Avvocati | Consiglio Nazionale Forense (CNF) | Professione forense



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0