ARGeNtWEB

Flash-Jus

La privacy vale anche per i defunti

La protezione dei dati personali vale anche per le persone decedute, lo ha ribadito il Garante Privacy nell'ambito di un parere riguardante un accesso civico. L'Italia infatti ha adottato la c.d. clausola di salvaguardia prevista dal GDPR, e con il d.lgs. 101/2018 ha previsto che "i diritti relativi ai dati personali dei defunti possono essere esercitati da chi ha un interesse proprio, o agisce a tutela dell'interessato, in qualità di suo mandatario, o per ragioni familiari meritevoli di protezione". Conseguentemente, ai dati delle persone decedute continuano ad applicarsi le tutele previste dalla disciplina sulla protezione dei dati.

n° 1572 - giovedì 21 marzo 2019
vai alla fonte Garante Privacy
tag Privacy | Dati personali | Garante | Diritti degli interessati | GDPR | Regolamento Privacy | Persone defunte



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0