ARGeNtWEB

Flash-Jus

Orecchie ben aperte... O finisci in carcere!

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 8975/19, statuisce che "il detenuto agli arresti domiciliari deve porre in essere tutte le cautele necessarie affinché gli strumenti che consentono di effettuare i controlli della polizia giudiziaria, come il campanello e il citofono dell'abitazione in cui è ristretto, siano sempre efficienti", perché la posizione di chi è agli arresti domiciliari è equiparata a quella di chi si trova in carcere.
La sentenza deriva da un caso in cui la Polizia giudiziaria ha effettuato il controllo in due giornate diverse, ma l'imputato è risultato irreperibile in entrambi i casi. Tale irreperibilità ha condotto alla revoca degli arresti domiciliari ed al ripristino della custodia cautelare in carcere.

n° 1579 - giovedì 4 aprile 2019
vai alla fonte Trieste All News
tag Corte di Cassazione penale | Polizia giudiziaria | Imputato | Carceri | Sentenza | Custodia cautelare in carcere | Arresti domiciliari



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0