ARGeNtWEB

Flash-Jus

Agente 00...spaccato!

La Quinta Sezione della Corte di Cassazione, con Sentenza n. 15071 del 18/03/2019 - deposito del 05/04/2019 - ha affermato che, siccome i programmi informatici "spy-software" installati su un telefono cellulare, un "tablet" o un PC, sono in grado di "catturare" il traffico dei dati in arrivo o in uscita dal dispositivo, rientrano tra gli "apparati, strumenti, parti di apparati o di strumenti" volti all'intercettazione di comunicazioni o conversazioni. Tale sentenza ha decretato la condanna di un uomo che aveva installato sul telefono della moglie uno spy-software per tenere sotto controllo la sua dolce metà. A nulla è valsa la giustificazione dell'uomo che ha sottolineato che la moglie ne era a conoscenza perchè allertata dal figlio.

n° 1582 - giovedì 11 aprile 2019
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Corte di Cassazione | Web | Internet | Cassazione penale | Reato | Smartphone



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0