ARGeNtWEB

Flash-Jus

Tutela del minore, la Cassazione preferisce i nonni

L'affido temporaneo etero-familiare è una possibilità "ponte" che da un lato può favorire la rimozione di situazioni di difficoltà e di disagio familiare e dall'altra consente al minore di non perdere i legami con la propria famiglia d'origine. Per tale ragione, il giudice di merito deve preferire, lì dove è possibile, i nonni al fine di evitare al minore, oltre il trauma derivante dall'allontanamento dei genitori, anche le difficoltà di vedersi deprivato del contesto familiare in cui è cresciuto. È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 28257/2019.

n° 1647 - giovedì 14 novembre 2019
vai alla fonte Studio Cataldi
tag Corte di Cassazione | Affido familiare | Minori



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0