ARGeNtWEB

Flash-Jus

Cassazione, stop alle mail diffamatorie!

Nel delitto di diffamazione, affinché si configuri l'elemento soggettivo del reato, non è necessario che sussista "l'animus iniurandi vel diffamandi" ma è sufficiente il dolo generico. È questo il principio di diritto affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 2705/2020. Nel caso di specie, uno psichiatra aveva pubblicato su vari siti internet delle e-mail che gli erano state inviate dalla madre di un paziente che denunciava metodi, a suo dire al limite della tortura, operati sul figlio ricoverato nel reparto di psichiatria di un ospedale pubblico. Gli Ermellini hanno chiarito che, ai fini della configurabilità del reato, è sufficiente che l'agente consapevolmente faccia uso di parole ed espressioni socialmente interpretabili come offensive.

n° 1667 - giovedì 30 gennaio 2020
vai alla fonte Diritto 24
tag Corte di Cassazione | Reato | Cassazione penale | Diffamazione | Medico



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0