ARGeNtWEB

Flash-Jus

Il selfie con l'amante non prova il tradimento per l'addebito

La fotografia sul cellulare non è sufficiente a dimostrare l'infedeltà coniugale. Nemmeno se il presunto amante viene ritratto a torso nudo sul letto della moglie. Così ha stabilito la Corte d'appello dell'Aquila con la sentenza 2060 del 16 dicembre 2019 che ha precisato come le fotografie compromettenti si presterebbero a spiegazioni alternative. Per i giudici, infatti, se le fotografie non mostrano alcun atteggiamento intimo e di particolare vicinanza tra le parti non possono provare la relazione extraconiugale.

n° 1674 - giovedì 20 febbraio 2020
vai alla fonte Il Sole 24 ore
tag Separazione | Adulterio | Coniugi | Famiglia | Addebito | Matrimonio



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0