ARGeNtWEB

Flash-Jus

Anonimato e identità personale: di nuovo il bilanciamento tra questi diritti fondamentali

La Cassazione, con la sentenza n. 19824/2020, è tornata sul difficile bilanciamento tra il diritto all'anonimato della madre biologica e il diritto del figlio a costruirsi la propria identità personale tramite la conoscenza delle proprie origini biologiche. L'ulteriore esame ha stabilito, fino a quando la madre naturale è in vita, il diritto all'anonimato di cui la stessa si è avvalsa al momento del parto deve essere massimamente tutelato, a meno che sia la stessa donna con la propria inequivocabile condotta ad aver manifestato la volontà di revocare nei fatti la scelta, a suo tempo presa. Nel periodo successivo alla sua morte, tuttavia, il bilanciamento dei valori di rango costituzionale che segue la richiesta di accertamento dello status di figlio naturale cambia e «l'esigenza di tutela dei diritti degli eredi e discendenti della donna che ha optato per l'anonimato non può che essere recessiva rispetto a quella del figlio che rivendica il proprio status».

n° 1726 - giovedì 12 novembre 2020
vai alla fonte Diritti fondamentali
tag Anonimato | Madre | Diritti | Libertà | Parto | Bilanciamento



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0