ARGeNtWEB

Flash-Jus

No alla vendetta su FB nei confronti del marito traditore

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3204/2021, ha confermato la condanna per il reato di diffamazione nei confronti di una donna che, con un post su Facebook, aveva reso pubblica la relazione adulterina dell'ex-marito. Nello stesso post, la moglie tradita aveva anche riportato le offese rivolte nei confronti dell'amante di lui. I Giudici non hanno riconosciuto l'attenuante della provocazione in quanto il post era stato pubblicato a distanza di molto tempo dalla fine della relazione matrimoniale e quindi è espressione di un sentimento di vendetta e uno sfogo postumo rispetto al fallimento del matrimonio.

n° 1766 - giovedì 28 gennaio 2021
vai alla fonte Studio Cataldi
tag Corte di Cassazione | Reato | Diffamazione | Matrimonio | Coniugi | Facebook | Social Network



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0