ARGeNtWEB

Flash-Jus

Cannabis al volante... una sentenza stupefacente

Affinché si possa contestare il reato di guida in stato di alterazione psicofisica sotto l'effetto di sostanze stupefacenti non basta essere positivi alla cannabis. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3900/202, ha accolto il ricorso di un automobilista che, messosi alla guida dopo aver fumato uno spinello, al momento del fermo non presentava alcun sintomo particolare se non gli occhi...arrossati. Come chiarito dai giudici, è necessario che lo stato di alterazione psico-fisica sia conclamato e derivi dall'uso di droga. In sostanza, non sono sufficienti solo le analisi biologiche ma è necessario che l'automobilista abbia guidato in stato di alterazione causato dall'assunzione di droghe.

n° 1770 - giovedì 4 febbraio 2021
vai alla fonte Studio Cataldi
tag Cassazione penale | Corte di Cassazione | Automobilista | Droga | Cannabis | Stupefacenti



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0