ARGeNtWEB

Flash-Jus

Grande fratello e dipendente infedele: ok ai controlli "difensivi"

Il datore di lavoro che installi impianti di videosorveglianza, senza accordo sindacale, non commette reato se l'impianto è funzionale a prevenire possibili comportamenti infedeli dei lavoratori. A questa conclusione è giunta la Suprema Corte con la sentenza n. 3255/21 relativa ad una ipotesi di controllo a distanza del lavoratore. Nel caso specifico le telecamere erano state puntate sugli scaffali e sulla cassa di un negozio, a seguito di ammanchi rilevati dal titolare.

n° 1771 - giovedì 4 febbraio 2021
vai alla fonte Feder Privacy
tag Privacy | Videosorveglianza | Statuto dei lavoratori | Controllo a distanza | Corte di Cassazione



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0