ARGeNtWEB

Flash-Jus

No vax, altolà del Garante ai censimenti regionali

L'ordinanza del presidente della Regione Sicilia con la quale si obbligano gli enti pubblici regionali, ma anche un lungo elenco di aziende, a compilare una sorta di anagrafe dei dipendenti vaccinati e non vaccinati finisce nel mirino del Garante della privacy. In caso di rifiuto, i lavoratori dovranno essere trasferiti a mansioni non a contatto con il pubblico. Nell'elenco entra di tutto: ci sono i dipendenti pubblici di ogni tipo, ma anche quelli privati nei settori dei trasporti, degli autotrasporti e dell'agro-alimentare. L'Authority ha aperto un'istruttoria e la Regione avrà sette giorni per rispondere alle contestazioni. Il Garante ha sottolineato che l'ordinanza di un presidente regionale o provinciale non può rappresentare una valida base giuridica per introdurre limitazioni a diritti e libertà individuali che implichino il trattamento di dati personali, essendo la materia assoggettata a riserva di legge statale.

n° 1836 - giovedì 22 luglio 2021
vai alla fonte Garante Privacy
tag Garante privacy | Privacy | Dati personali | COVID-19 | Vaccino | Lavoro | Rapporto di lavoro | Datore di lavoro



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0