ARGeNtWEB

Flash-Jus

Il 41 bis non ferma Babbo Natale

La previsione che stabilisce il divieto, per il detenuto sottoposto al carcere duro, di consegnare oggetti anche ai familiari più stretti è illegittimo ove impedisce ad un padre di regalare un giocattolo al proprio figlio. È quanto ha precisato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 46432/2021 a proposito del ricorso proposto dal Ministero della Giustizia contro la decisione del Giudice di Sorveglianza che aveva accolto la richiesta di un detenuto, ristretto secondo il regime di cui all'art. 41-bis dell'ordinamento penitenziario, di consegnare un regalo direttamente al proprio figlio, senza l'intervento dell'agente penitenziario. Gli "Ermellini" hanno chiarito che è fondamentale, anche per coloro sottoposti a tale regime penitenziario, il tentativo di conservare una relazione familiare il più possibile normale.

n° 1857 - giovedì 23 dicembre 2021
vai alla fonte Il Sole 24 Ore
tag Corte di Cassazione | Processo penale | Genitori | Figli



© 2004/23 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0