ARGeNtWEB

Flash-Jus

È subordinato il lavoro del praticante in mancanza di certificato d'ammissione al praticantato

La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n. 4271/2011 ha affermato - così confermando la decisione della Corte d'Appello - che, con riguardo al lavoro svolto da un praticante presso uno studio professionale, la mancanza del certificato di ammissione alla pratica, unitamente ad altri elementi sintomatici desumibili dall'istruttoria testimoniale, è idoneo ad escludere la sussistenza del praticantato ed a qualificare il rapporto quale lavoro subordinato.

n° 243 - giovedì 24 febbraio 2011
vai alla fonte Guida al diritto - Il Sole 24 Ore
tag Lavoro subordinato | Corte di Cassazione | Studio professionale | Praticante | Praticantato



© 2004/23 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0