ARGeNtWEB

Flash-Jus

Risarcimento se c'è cartello tra le assicurazioni

Il consumatore è risarcibile nell'ipotesi in cui le società assicurative abbiano formato un cartello per lo scambio di dati sensibili finalizzato ai rincari della polizza auto. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che, con la sentenza n.10211 del 10 maggio del 2011, ha condannato la compagnia assicurativa al risarcimento dei danni a favore del cliente - automobilista. L'esistenza di intese tra le compagnie assicurative era stata accertata dall'AGCM che aveva evidenziato comportamenti restrittivi della concorrenza in grado di determinare rincari delle polizze RC auto.

n° 339 - giovedì 19 maggio 2011
vai alla fonte Persona e danno
tag Risarcimento del danno | RCA auto | Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) | Dati sensibili | Concorrenza sleale | Corte di Cassazione | Assicurazioni



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0