ARGeNtWEB

Flash-Jus

Lo stalking viaggia via web

In una recente sentenza la Suprema Corte di Cassazione ha spiegato come il reato di stalking possa concretizzarsi anche quando le minacce ed ingiurie, rivolte alla vittima, siano inviate tramite Facebook. In particolare il giovane imputato, condannato dalla cassazione, continuava a perseguitare l'ex convivente proprio attraverso il social network. Con questa sentenza i giudici di legittimità hanno definitivamente confermato che nella locuzione "qualunque mezzo" utilizzata dall'art. 612-bis c.p. debbano rientrare anche gli strumenti offerti dalle nuove tecnologie.

n° 400 - giovedì 14 luglio 2011
vai alla fonte Altalex
tag Cassazione penale | Facebook | ICT | Social Network | Stalking | Web | Corte di Cassazione | Diritto penale



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0