ARGeNtWEB

Flash-Jus

Lite temeraria... e il soccombente paga!

Al fine di ottenere il risarcimento da lite temeraria la parte vittoriosa non deve fornire la prova concreta del danno subito, in quanto tale danno, secondo la comune esperienza, sarebbe in re ipsa e, dunque, risarcibile automaticamente. Difatti, al fine dell'accoglimento della domanda di risarcimento dei danni da lite temeraria, non costituisce impedimento la mancata deduzione e dimostrazione dello specifico danno subito dalla parte vittoriosa, il quale non si identifica nella lesione della propria posizione materiale, ma nei disagi e negli oneri di qualsiasi genere che questa abbia affrontato per aver dovuto contrastare l'ingiustificata e meramente dilatoria iniziativa del proprio avversario.

n° 457 - giovedì 13 ottobre 2011
vai alla fonte Altalex
tag Lite temeraria | Risarcimento | Onere probatorio | Danno | Corte di Cassazione | Diritto civile



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0