ARGeNtWEB

Flash-Jus

L'ipoteca celata dal tempo

Con la sentenza n. 22398/2011 la Corte di Cassazione ha confermato la condanna di un notaio al risarcimento del danno derivante dal mancato riconoscimento di un'ipoteca iscritta su un bene immobile oggetto di compravendita. La suprema Corte ha, infatti, ribadito che il notaio inadempiente non può invocare a sua discolpa la limitazione di responsabilità prevista dall'art. 2236 c.c. (soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà) perché in questo caso l'inosservanza non è riconducibile a imperizia, ma a negligenza o imprudenza.

n° 480 - giovedì 3 novembre 2011
vai alla fonte Diritto bancario
tag Responsabilità professionale | Ipoteca | Notaio | Corte di Cassazione



© 2004/24 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0