ARGeNtWEB

Flash-Jus

No alla reclusione durante la procedura di rimpatrio

Il carcere inflitto all'immigrato irregolare, durante la procedura di rimpatrio, è in contrasto con il diritto comunitario a meno che l'allontanamento non rischi di essere compromesso. Con la sentenza C-329 la Corte di Lussemburgo ha chiarito che la custodia in carcere per lo straniero che non rispetta l'ordine di allontanamento deve essere considerata un'estrema ratio e non può essere la regola. Dunque il trattenimento in carcere diventa possibile solo quando tutte le misure meno coercitive (obbligo di partenza volontaria e allontanamento coattivo alla frontiera) si sono dimostrate inefficaci ed esiste il rischio concreto di compromettere l'allontanamento dello straniero irregolare, per il pericolo di fuga o perché il cittadino del paese terzo ostacola il rimpatrio.

n° 518 - giovedì 8 dicembre 2011
vai alla fonte Altalex
tag Immigrazione irregolare | Rimpatrio | Reclusione | Corte di Giustizia | Diritto UE | Diritto internazionale | Stranieri | Unione Europea



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0