ARGeNtWEB

Flash-Jus

Ora provano a truffare anche il Quirinale

Italia-programmi.net non demorde: nonostante una multa da 1.500.000 euro, emessa da AGCM e le indagini in corso, continua ad inviare email e lettere di minaccia di recupero crediti per un fantomatico abbonamento per la fornitura di software. L'ultima vittima eccellente è stata il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che si è visto recapitare una richiesta di pagamento di 96 euro più 8,5 per spese di recupero. Immediata la denuncia ed il conseguente intervento della Procura di Milano che ha provveduto ad oscurare il sito.

n° 633 - giovedì 5 aprile 2012
vai alla fonte Punto Informatico
tag Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) | Privacy | Dati personali | Internet | Multa | Presidente della Repubblica | Reati informatici | Software



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0