ARGeNtWEB

Flash-Jus

Razzisti, non solo a parole...

L'avversione nei confronti degli immigrati non necessariamente si manifesta con insulti di matrice xenofoba, ma può desumersi anche da comportamenti particolarmente sprezzanti posti in essere durante un'attività criminale. È quanto ha sentenziato la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 16328 del 3 maggio 2012, ha confermato l'aggravante di discriminazione razziale in capo a dei minorenni che nel corso di una rapina si erano resi responsabili di violenza gratuita a danno di extra-comunitari. I giudici hanno infatti sottolineato che le attività criminali si ripetevano sistematicamente ai danni di cittadini stranieri, configurando pertanto un atteggiamento palesemente razzista.

n° 669 - giovedì 10 maggio 2012
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Stranieri | Immigrazione | Discriminazione | Razzismo | Aggravante | Reato



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0