ARGeNtWEB

Flash-Jus

Pubblicità... stupefacente: quando diventa reato?

Pubblicizzare la vendita di semi di sostanze stupefacenti, secondo le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (Sent. n. 47604/12), non integra sempre il reato di istigazione all'uso di tali sostanze (art. 82 DPR 309/90), in assenza di specifici elementi "promozionali". Se, tuttavia, la pubblicità fosse corredata da istruzioni per una corretta "coltivazione", si integrerebbe almeno il reato di istigazione a delinquere ex art. 414 c.p.? Ai giudici di merito l'onere di decidere.

n° 756 - giovedì 10 gennaio 2013
vai alla fonte Ipsoa
tag Stupefacenti | Istigazione a delinquere | Corte di Cassazione | Sezioni Unite



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0