ARGeNtWEB

Flash-Jus

Dottore, venga subito in ospedale!

Il sanitario reperibile ha l'obbligo di recarsi in ospedale a seguito della telefonata con cui viene allertato da un suo collega. I giudici della Corte di Cassazione, confermando con la sentenza n. 12376/2013 la condanna per omissione di atti d'ufficio a carico di un medico, hanno evidenziato che non è possibile per quest'ultimo esimersi dal recarsi in ospedale paventando la non necessità di un intervento diretto. Per i giudici di legittimità, oltre al dovere di intervenire di persona, previsto tra l'altro anche contrattualmente, l'urgenza non può essere certamente valutata al telefono!

n° 833 - giovedì 21 marzo 2013
vai alla fonte Diritto.it
tag Corte di Cassazione | Ospedale | Medico | Paziente | Omissione atti d'ufficio



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0