ARGeNtWEB

Flash-Jus

A rischio di vita per conoscere il futuro

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 26017/2013, ha condannato per tentato omicidio il marito che aveva imbracciato un fucile da caccia e sparato alla moglie perché passava ore al telefono con un servizio di cartomanzia a pagamento, ma non ha riconosciuto l'aggravante dei futili motivi. Il motivo che ha determinato l'imputato a compiere il gesto di estrema gravità in danno della moglie non è stato, infatti, l'uso smodato del telefono da parte della vittima, ma la circostanza che il ricorso a servizi telefonici di chiromanzia comportava costi tali da dimezzare il reddito dell'imputato, comportando ripercussioni sul bilancio familiare.

n° 900 - giovedì 20 giugno 2013
vai alla fonte Il sole 24 ore
tag Tentativo | Tentato omicidio



© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0