ARGeNtWEB

Flash-Jus

La cartella clinica non si "ritocca"

Con sentenza n. 37314 dell'11 settembre 2013, la Corte di Cassazione ha stabilito che risponde del reato di falso in atto pubblico il sanitario che effettua annotazioni successive in cartella clinica, a nulla rilevando la veridicità del contenuto della modifica.
Secondo i giudici di legittimità, la fede pubblica, che il reato mira a tutelare, viene lesa anche se, indipendentemente dal contenuto delle annotazioni, non vi sia corrispondenza tra l'effettivo iter di formazione della cartella clinica e quello che appare dal suo "aspetto grafico".

n° 932 - giovedì 10 ottobre 2013
vai alla fonte Altalex
tag Corte di Cassazione | Diritto penale | Falsità degli atti | Medico



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0