UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

Un reato ai confini...della realtÓ

Il reato di atti sessuali e corruzione di minorenne pu˛ essere compiuto anche attraverso condotte "virtuali", in assenza cioŔ di un vero e proprio contatto fisico con la vittima. ╚ quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 16616/2015, riconoscendo come un atteggiamento insidioso nei confronti di un minore, sia pure attraverso mezzi telematici, Ú lesivo della sfera psichica del soggetto pi˙ debole. I giudici non hanno riconosciuto l'attenuante prevista per i casi di minore gravitÓ, sottolineando che i mezzi telematici sono di comune utilizzo anche da parte dei minori e che il controllo dei genitori, spesso, non Ú idoneo a prevenire pericolose "trappole" nelle quali cadono i bambini.

n░ 1235 - giovedý 14 maggio 2015
vai alla fonte Persona e danno
tag Corte di Cassazione | Cassazione penale | Reato | Minori | Internet | Web



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/21 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti